Rateizzazioni

Il cliente finale per richiedere la rateizzazione dei corrispettivi per la vendita del gas deve ricadere nei seguenti casi:

  • l’articolo 10 della deliberazione n. 229/01disciplina i casi e le modalità di rateizzazione del pagamento dei corrispettivi per la vendita di gas; in particolare, il comma 3, lettera a), del predetto articolo prevede che l’esercente è tenuto, tra l’altro, “ad offrire la rateizzazione per i clienti per i quali la periodicità di fatturazione non è mensile, qualora la bolletta di conguaglio sia superiore al doppio dell’addebito più elevato fatturato nelle bollette stimate o in acconto ricevute successivamente alla precedente bolletta di conguaglio, salvo il caso in cui la differenza fra l’addebito fatturato nella bolletta di conguaglio e gli addebiti fatturati nelle bollette stimate o in acconto sia attribuibile esclusivamente alla variazione stagionale dei consumi”
  • la rateizzazione deve essere offerta a tutti i clienti ai quali, a seguito di malfunzionamento del gruppo di misura per causa non imputabile agli stessi, venga richiesto il pagamento di corrispettivi per consumi non registrati dal gruppo di misura e a tutti i clienti con un gruppo di misura accessibile ai quali, a causa di una o più mancate letture, sia richiesto il pagamento di un conguaglio;

Il comma 6 dell’articolo 10 della deliberazione n. 229/01 prevede inoltre che, nel caso di sussistenza del diritto alla rateizzazione e di esercizio della relativa facoltà da parte del cliente, “salvo diverso accordo tra le parti, il corrispettivo dovuto è suddiviso in un numero di rate di ammontare costante pari al numero di bollette di acconto o stimate ricevute successivamente alla precedente bolletta di conguaglio e comunque non inferiore a due”;

La deliberazione ARG/gas 85/10 ha integrato il predetto comma 6 al fine di precisare che “Le rate, non cumulabili, hanno una periodicità corrispondente a quella di fatturazione.