Condizioni

Tempi e modalità di pagamento delle bollette

In caso di ritardato pagamento delle fatture il Venditore applicherà interessi moratori calcolati su base annua, pari al tasso ufficiale di riferimento (TUR) aumentato di 3,5 punti percentuali, oltre a eventuali ulteriori spese sostenute ivi incluse quelle per i solleciti di pagamento delle fatture.

Sospensione della fornitura in caso di morosità

Il Venditore comunica l’intervento di chiusura al Cliente finale secondo i tempi e le modalità previsti per la sospensione della fornitura ai sensi dell’articolo 9, comma 9.1 della Deliberazione dell’Autorità 18 ottobre 2001, n. 229/01.

Il Venditore, in caso di mora del cliente, invia a quest’ultimo una comunicazione a mezzo di lettera raccomandata semplice indicante il termine ultimo entro cui il cliente deve provvedere al pagamento della bolletta insoluta, le modalità di comunicazione dell’avvenuto pagamento al Venditore, i tempi entro i quali, in costanza di mora, la fornitura di gas può essere sospesa, nonché i costi delle eventuali operazioni di sospensione e di riattivazione della fornitura. Detta comunicazione ha valore di costituzione in mora.

Il Venditore potrà inviare al Cliente una comunicazione con indicazione che, decorsi 10 giorni dal suo ricevimento, procederà a richiedere la sospensione della fornitura in caso di mancata ricezione di un’attestazione del pagamento delle somme dovute da inoltrarsi a mezzo fax al numero che sarà indicato nella comunicazione inviata dal Venditore.

In caso di sospensione della fornitura al Cliente verranno imputate le spese relative ai solleciti di pagamento, le spese relative alle operazioni di sospensione e di eventuale riattivazione, fermo restando il risarcimento del maggior danno.

La sospensione della fornitura può essere disposta con effetto immediato e senza necessità di preventiva informazione in caso di prelievo fraudolento.

Il Venditore non potrà effettuare la sospensione delle fornitura al Cliente finale nei seguenti casi:

  • in assenza della comunicazione scritta;
  • in caso di mancato versamento di importi in misura inferiore od uguale all’ammontare del deposito cauzionale;
  • in caso di mancato pagamento di servizi od addebiti concernenti forniture diverse dalla vendita del gas, quando questa sia erogata da un esercente multiservizio;
  • durante i giorni indicati come festivi sul calendario comune, oppure durante i giorni di venerdì e sabato;
  • per mancata sottoscrizione del contratto di vendita.