Autolettura

Dal 1 luglio 2009 il soggetto responsabile della rilevazioni delle letture del contatore presso i punti di riconsegna della rete di distribuzione ai sensi della Deliberazione arg/gas 69/09, è la società di distribuzione competente sul comune interessato.

COMUNICARE LA LETTURA DEL CONTATORE

Nel caso in cui il cliente desidera comunicarci la lettura del proprio contatore, tra le date del 26 e del 31 di ogni mese, può scriverci al seguente indirizzo email “LETTURE@ENEGAS.NET”, oppure se preferisce inviare un fax al numero:0971.1800842 indicando i seguenti dati:

PDR – Numero identificativo del cliente rilevabile dalla bolletta
MATRICOLA CONTATORE: matricola numerica riportata sul vostro contatore
DATA LETTURA: giorno / mese / anno
LETTURA MC: indicare solo le cifre in nero, omettere quelle rosse dopo la virgola

Normativa

La Deliberazione ARG/gas 145/10 prevede dal 1 gennaio 2011 che l’Impresa di Distribuzione è tenuta ad effettuare almeno un tentativo di raccolta della misura del gas naturale riconsegnato, espressa dal totalizzatore del misuratore secondo le seguenti modalità:
a) per i punti di riconsegna con consumi fino a 500 Smc/anno: 1 tentativo di raccolta nell’anno civile con intercorrenza massima di 13 mesi e minima di 6 mesi, fra due tentativi consecutivi;
b) per i punti di riconsegna con consumi superiori a 500 Smc/anno e fino a 5000 Smc/anno: 2 tentativi di raccolta nell’anno civile con intercorrenza massima di 7 mesi e minima di 3 mesi fra due tentativi consecutivi;
c) per i punti di riconsegna con consumi superiori a 5000 Smc/anno, ad esclusione dei mesi in cui i consumi storici sono inferiori del 90% ai consumi medi mensili: mensile con intercorrenza minima di 25 e massima di 35 giorni fra due tentativi consecutivi”;
Nel caso di nuove attivazioni relative a punti di riconsegna con consumi fino a 5000 Smc/anno, l’impresa di distribuzione è tenuta ad effettuare un tentativo di raccolta della misura, entro sei mesi dalla data di nuova attivazione.
In caso di tentativo di raccolta della misura non andato a buon fine, l’Impresa di Distribuzione è tenuta a informare il Cliente finale dell’eventuale possibilità dell’autolettura, rilasciando una nota informativa cartacea.
Il Venditore si riserva, comunque, la facoltà di effettuare la lettura del contatore nel caso di palese inverosimiglianza del dato comunicato dal Cliente rispetto ai consumi storici del Cliente stesso.